Impresa Spedizione Rifiuti: Relazioni / Prassi e Procedure ADR

Impresa Spedizione Rifiuti: Modello di Relazioni / Prassi e Procedure ADR

In allegato esempio Relazione Iniziale / Prassi e Procedure ADR per una Impresa che spedisce rifiuti ADR e ricevere materie ADR (a breve sarà inserita anche Relazione annuale).

1. Relazioni ADR

La Relazione iniziale (D.Lgs. 35/2010 Art. 5) prevede che il Consulente nominato, entro 60 giorni, verifichi le prassi e le procedure concernenti l'attività dell'impresa e rediga una apposita Relazione (Iniziale), la relazione e' successivamente redatta annualmente (annuale) ed quando siano verificate modifiche norme in materia di trasporto, carico e scarico di merci pericolose (Relazione straordinaria)

File DB importabile Certifico ADR manager

A breve sarà disponibile file DB importabile direttamente in Certifico ADR manager, il file importato può essere aggiornato e duplicato per altre Imprese.
_______

D.Lgs. 35/2010

...
5. Entro sessanta giorni dalla nomina di cui al comma 2, il consulente verificate le prassi e le procedure concernenti l'attività dell'impresa presso la quale opera, redige una relazione nella quale, per ciascuna operazione relativa all'attività di impresa, indica le eventuali modifiche procedurali ovvero strutturali necessarie per l'osservanza delle norme in materia di trasporto, carico e scarico di merci pericolose, nonche' per lo svolgimento dell'attività dell'impresa in condizioni ottimali di sicurezza. La relazione e' successivamente redatta annualmente e, comunque, ogni qualvolta intervengano eventi modificativi delle prassi e procedure poste alla base della relazione stessa, ovvero delle norme in materia di trasporto, carico e scarico di merci pericolose, ed e' consegnata al legale rappresentante dell'impresa.
_______

2. Compiti del Consulente / Struttura delle Prassi e Procedure (13 punti)

Al punto 1.8.3.3 dell'ADR sono riportati i Compiti del Consulente ed in particolare l'esame/elaborazione di Prassi e Procedure inerenti l'ADR.
_______

ADR 1.8.3.3.


Sotto la responsabilità del capo dell'impresa, funzione essenziale del consulente è ricercare tutti i mezzi e promuovere ogni azione, nei limiti delle attività in questione dell'impresa, per facilitare lo svolgimento di tali attività nel rispetto delle normative applicabili e in condizioni ottimali di sicurezza. 
Le sue funzioni, da adattare alle attività dell'impresa, sono in particolare le seguenti:
- verificare l'osservanza delle disposizioni in materia di trasporto di merci pericolose;
- consigliare l'impresa nelle operazioni relative al trasporto di merci pericolose;
- provvedere a redigere una relazione annuale, destinata alla direzione dell'impresa o eventualmente ad un'autorità pubblica locale, sulle attività dell'impresa per quanto concerne il trasporto di merci pericolose. La relazione è conservata per cinque anni e, su richiesta, messa a disposizione delle autorità nazionali.

I compiti del consulente comprendono, inoltre, in particolare l'esame delle seguenti prassi e procedure relative alle attività in questione dell'impresa:
- le procedure volte a far rispettare le norme in materia d'identificazione delle merci pericolose trasportate;
- le prassi dell'impresa per quanto concerne la valutazione, all'atto dell'acquisto dei mezzi di trasporto, di qualsiasi particolare requisito relativo alle merci pericolose trasportate;
- le procedure di verifica delle attrezzature utilizzate per il trasporto di merci pericolose o per le operazioni d'imballaggio, di riempimento, di carico o scarico;
- il possesso, da parte del personale interessato dell'impresa, di una formazione adeguata, anche sulle modifiche relative alla regolamentazione, e la registrazione di tale formazione;
- l'applicazione di procedure d'emergenza adeguate agli eventuali incidenti o eventi imprevisti che possano pregiudicare la sicurezza durante il trasporto di merci pericolose o le operazioni d'imballaggio, di riempimento, di carico o scarico;
- l'analisi e, se necessario, la redazione di relazioni sugli incidenti, gli eventi imprevisti o le infrazioni gravi costatate nel corso del trasporto delle merci pericolose o durante le operazioni d'imballaggio, di riempimento, di carico o scarico;
- l'attuazione di misure appropriate per evitare il ripetersi d'incidenti, eventi imprevisti o infrazioni gravi;
- la presa in conto delle disposizioni legislative e dei requisiti specifici relativi al trasporto di merci pericolose, per quanto concerne la scelta e l'utilizzo di subfornitori o altri operatori;
- la verifica che il personale interessato alla spedizione di merci pericolose, o dell'imballaggio, del riempimento, del carico o dello scarico di tali merci, disponga di procedure operative e d'istruzioni dettagliate;
- l'introduzione di misure di sensibilizzazione ai rischi connessi al trasporto di merci pericolose o all'imballaggio, al riempimento, al carico o scarico di tali merci;
- l'attuazione di procedure di verifica volte a garantire la presenza, a bordo dei mezzi di trasporto, dei documenti e delle attrezzature di sicurezza che devono accompagnare il trasporto e la loro conformità alle regolamentazioni;
- l'attuazione di procedure di verifica dell'osservanza delle disposizioni relative alle operazioni d'imballaggio, di riempimento, di carico e scarico;
- l'esistenza del piano di sicurezza previsto al 1.10.3.2.
_______

In allegato:

- Modello Relazione Iniziale ADR*.
- Modelli di Prassi e Procedure ADR di cui all'Art. 5 del D.Lgs. 35/2010*.
- File Database per Importazione dei Documenti in Certifico ADR Manager**

Le Procedure sono inerenti la sola attività di trasporto di merci pericolose in Colli.

In elenco

A. Relazione Iniziale 02.01.11.2020
B. Procedure ADR 02.01.11.2020

Procedure singole

B1. PRX 2019-0001 | Identificazione delle merci pericolose trasportate | Corrette procedure volte a far rispettare le norme in materia d'identificazione delle merci pericolose trasportate.
B2. PRX 2019-0002 | Mezzi di trasporto | Corrette prassi dell'impresa per quanto concerne la valutazione, all'atto dell'acquisto dei mezzi di trasporto, di qualsiasi particolare requisito relativo alle merci pericolose trasportate.
B3. PRX 2019-0003 | Attrezzature carico/scarico | Controllo procedure di verifica delle attrezzature utilizzate per il trasporto di merci pericolose o per le operazioni di carico/scarico.
B4. PRX 2019-0004 | Formazione | Adeguata formazione dei dipendenti dell'impresa, inclusa quella concernente le modifiche normative, e la conservazione dei verbali relativi a tale formazione.
B5. PRX 2019-0005 | Emergenze I | Procedure d'emergenza adeguate agli eventuali incidenti o eventi imprevisti che possano pregiudicare la sicurezza durante il trasporto di merci pericolose o le operazioni di carico o scarico.
B6. PRX 2019-0006 | Emergenze II | Analisi e, se necessario, la redazione di relazioni sugli incidenti, gli eventi imprevisti o le infrazioni gravi costatate nel corso del trasporto delle merci pericolose o durante le operazioni di carico o scarico.
B7. PRX 2019-0007 | Emergenze III | Attuazione di misure appropriate per evitare il ripetersi d'incidenti, eventi imprevisti o infrazioni gravi.
B8. PRX 2019-0008 | Norme ADR | Controllo delle disposizioni legislative e dei requisiti specifici relativi al trasporto di merci pericolose, per quanto concerne la scelta e l'utilizzo di subfornitori o altri operatori.
B9. PRX 2019-0009 | Trasporto/carico/scarico | Verifica che il personale incaricato del trasporto di merci pericolose, oppure del carico o dello scarico di tali merci, disponga di procedure operative e d'istruzioni dettagliate.
B10. PRX 2019-0010 | Trasporto/carico/scarico | Necessità dell'introduzione di misure di sensibilizzazione ai rischi connessi al trasporto di merci pericolose no al carico o scarico di tali merci.
B11. PRX 2019-0011 | Trasporto/carico/scarico | Controllo procedure di verifica volte a garantire la presenza, a bordo dei mezzi di trasporto, dei documenti e delle attrezzature di sicurezza che devono accompagnare il trasporto e la loro conformità alle regolamentazioni
B12. PRX 2019-0012 | Trasporto/carico/scarico | Attuazione di procedure di verifica dell'osservanza delle disposizioni relative alle operazioni di carico e scarico.
B13. PRX 2019-0013 | Trasporto/carico/scarico | Necessità dell'esistenza del piano di security previsto al 1.10.3.2.

Elaborato Certifico ADR Manager 2019, disponibile file importabile nel software.

Si ringrazia ENEL Green Power SpA - IT

* Attenzione - Elaborati soggetti a Revisione.
** Da Menù File / Importa da database esterno SQLite.

Certifico ADR Manager 2019 Rev 2011.1 (Novembre 2019)

Download Procedure PDF

Download Trial Certifico ADR Manager

Acquista Certifico ADR Manager

ADR

ADR è l’accordo internazionale per il trasporto di merci pericolose su strada, acronimo di “Agreement concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road”. L'Accordo è stato sottoscritto a Ginevra il 30 settembre 1957 sotto gli auspici della Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Europa, ed è entrato in vigore il 29 gennaio 1968. Con il D.Lgs. 40/2000 (GU n. 52 del 03.03.2000) è stata istituita la figura del Consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose (Consulente ADR). Il D.Lgs. 40/2000 è stato poi abrogato dal D.Lgs. 35/2010.


Vai sito UNECE

Archivio